Spesso abbiamo problemi con le compagnie telefoniche ma adesso noi utenti abbiamo la possibilità di far valere i nostri diritti

Per fortuna c’è un sempre crescente interesse nei confronti dei consumatori e a nostra tutela è stato introdotto di recente il codice del consumo che regola le norme secondo la disciplina comunitaria.
Così quasi tutti gli operatori telefonici hanno siglato un protocollo di intesa con le maggiori associazioni di consumatori secondo cui noi clienti possiamo avvalerci di una procedura conciliativa alternativa a quelle previste appoggiandoci ad una di queste associazioni o autonomamente (verificate sul sito dell’operatore se ha aderito a questa iniziativa). La procedura è gratuita e si conclude entro 30 giorni dal ricevimento della domanda di conciliazione

Puoi consultare e scaricare il regolamento dal sito dell’operatore però ecco in breve come procedere: presenta reclamo alla compagnia telefonica tramite fax o raccomandata e se non sei soddisfatto della risposta, o non rispondono, puoi rivolgerti all’associazione di consumatori scelta tra quelle che hanno aderito al protocollo con l’operatore in questione (troverai l’elenco sul sito dello stesso operatore), che provvederà ad avviare la procedura conciliativa rappresentandoti, in modo ripeto del tutto gratuito.
Se decidi di procedere autonomamente, puoi scaricare un modulo reclamo, tipo questo modello di reclamo Telecom, compilarlo, sottoscriverlo e inviarlo all’indirizzo indicato sullo stesso, allegando copia di un documento di identità valido, per una “preconciliazione”. Attenzione devi inserire nel modulo un codice che viene fornito dall’associazione consumatori da te scelta e che è generato dal sistema al momento della richiesta di preconciliazione. A volte, però, hanno difficoltà a fornirlo, non so perchè, io non sono riuscita ad ottenerlo!

La compagnia telefonica da una risposta, di solito dopo 15 giorni, e se non sei soddisfatto della risposta puoi avviare la fase successiva di “conciliazione”. L’associazione consumatori, rappresentandoti, raggiungerà una soluzione bonaria tramite web e sempre gratuitamente e ti assisterà per tutta la procedura fino alla sua conclusione

Per quanto riguarda la mia esperienza personale, io mi sono rivolta direttamente all’associazione di consumatori e sono stata assistita egregiamente da un loro avvocato. Io ho fatto presente che avevo intenzione di avvalermi del protocollo di intesa e non ho dovuto fare altro che spiegare le mie ragioni, supportate da documentazione e quindi eventualmente dimostrabili, tramite e-mail all’avvocato e comunicare i miei dati personali. Poi ho aspettato comunicazione da parte dell’avvocato e ho accettato le condizioni che più mi sembravano eque e così ho risolto il problema!