Questa guida vuole essere una documentazione a favore di uno degli animali da cortile più simpatici e belli in assoluto, che con la sua padronanza e modo di aggirarsi nei giardini ha assunto il nome di “re del pollaio”. Ecco di seguito alcuni spunti per conoscerlo meglio.

Il gallo domestico è un volatile appartenente alla specie Gallus Gallus. La sottospecie domesticus identifica quello che molti di noi hanno nel proprio cortile,ovvero il Gallus Gallus Domesticus. In genere, quando adulto, il gallo domestico può arrivare a toccare anche un peso di 3 chilogrammi,ma dipende dalle specie, alcune possono arrivare anche al doppio.

Il gallo domestico è abbastanza longevo in quanto può arrivare anche ai 10 anni, specialmente alcune razze, di cui quella americana è sicuramente la più longeva. Il piumaggio del gallus domesticus in genere è di un rosso tendente al marrone con una lunga cresta fatta di pelle di un color rosso acceso sulla testa. La coda molto spesso è nera e abbastanza lunga.

Si tratta di un animale onnivoro, passa la maggioranza della giornata a cercare insetti e piccoli organismi nel terreno. Quando un gallo arriva nel pollaio si crea una certa gerarchia al suo interno anche tra le restanti galline. Non si tratta di un uccello che compie grandi voli, il gallo non vola ma compie lunghi salti o “svolazzamenti” riuscendo ad oltrepassare anche alte staccionate.